NISSAN LEAF TEST DRIVE: L’ESCAVATORISTA BERGAMASCO

Quando guido la Nissan Leaf mi sento un po’ Doc che porta il Marty McFly di turno nella mobilità del futuro: questo in particolare è stato il più monello (e sì che facevamo i chierichetti insieme): interessato ad un utilizzo “per stradelle”, a rimappare la centralina per imbizzarrire di più gli elettroni,  con l’ansia da ricarica, è comunque stato impressionato dall’erogazione di potenza e dal silenzio di bordo. Tanto per cambiare.

Annunci

COMMENTO POSITIVO

Break!

Pensavo di ricevere quintali di pomodori e immaginavo orde di haterz scatenarsi per questa mia nuova avventura di “automotive influencer” invece arriva, dopo un numero decente di visualizzazioni sui social un primo commento positivo da Giacomo Esposito di Motork

Grande Giuseppe ! Mi piacciono molto i video, piccolo feedback , fatti vedere anche tu nel video, interagisci di più con l’ospite. Sara’ ancora più interessante.

This makes me blush!

Grazie Giacomo, non ho fatto nulla di che, cercherò di seguire il tuo autorevole consiglio rispondo a te e a tutti.

Sono timido e goffo davanti a una videocamera, preferisco e mi diverto di più per adesso a fare il “regista”, il video-maker, il Boncompagni, il Beppe Grillo e mettere davanti alla cam persone autentiche.

NISSAN LEAF TEST DRIVE: DON GIULIO DELLAVITE

Don Giulio Dellavite è salito per la prima volta su un’auto elettrica: la Nissan Leaf. È rimasto sorprendentemente colpito dallo scatto e dal comfort di bordo: ha poi disquisito di religione e protezione dell’ambiente, successivamente di che rapporto dovremmo avere con le auto. 

don giulio dellavite

NISSAN LEAF TEST DRIVE: DOCENTE UNIVERSITARIO MARCO LAZZARI

Marco Lazzari docente presso l’Università degli Studi di Bergamo Unibg è salito per la prima volta su un’auto elettrica: la Nissan Leaf. Ha parlato delle sue impressioni da passeggero, delle auto connesse e della guida autonoma.

 

COME FERRUCCIO ED ENZO

Ho modificato la homepage del mio vecchio sito e ho fatto il redirect a questo blog che avevo in cantiere. Era una orrenda landing page con contenuti obsoleti. Il blog è più dinamico e più intimo. I cambiamenti mi hanno sempre eccitato.

Qui si parla di auto e degli uomini che hanno fatto la storia dell’auto. Uomini come gli altri. Con le loro cadute e le loro ascese, con i loro lati più intimi dai quali spesso nascono grandi gesta. Uomini che seguono le proprie passioni e che realizzano i propri grandi sogni con quello che hanno, spesso poco. Ma soprattutto vincendo le ostilità.

Come Ferruccio Lamborghini che compra veicoli militari avanzati dalla guerra e li trasforma in macchine agricole.

O Enzo Ferrari, che al rifiuto di FIAT, solo e sconfortato, piange nel Parco del Valentino, ma non si arrende.

Questi penso che siano esempi da seguire.

Perché nella vita bisogna essere rampanti.

IMG_6678